Modello Richiesta Copia Atto Notarile

La richiesta di copia di atto notarile si può inviare direttamente al notaio che ha redatto l’atto, oppure all’archivio distrettuale di competenza. Prima di inviare la richiesta di copia, è importante sapere i costi collegati alla richiesta dell’atto stesso. Per questo, c’è un secondo modulo, che va sempre compilato e inviato al notaio o all’archivio distrettuale.

La richiesta dei costi deve includere le seguenti informazioni

Nome e cognome.
Indirizzo completo.
Numero di telefono, mail o meglio PEC.
Il numero di copie dell’atto che si desiderano.
Come si vuole ottenere il documento. Puoi scegliere se richiedere il documento tramite raccomandata, tramite PEC, con le marche da bollo, oppure in carta libera,

Seguono le informazioni relative all’atto, lo devi scrivere, accanto alla data in cui hai ricevuto il documento dal notaio, con quale numero di protocollo e di raccolta, in questo modo, sarà più semplice trovarlo.

Indica anche le parti che hanno sottoscritto il documento. Per esempio, in un contratto di mutuo, le parti sarete tu e la banca che ha erogato il finanziamento.

A questo punto, il documento di richiesta dei costi deve indicare come otterrai il documento, se vuoi l’invio via PEC, tramite raccomandata o se verrai di persona in sede. Infine, dovrai indicare di aver pagato gli importi di gestione pratica all’archivio notarile. Ricorda che il versamento si può fare tramite bollettino postale o via bonifico e non con altri metodi. Quando avrai saputo il costo della pratica, potrai fare la richiesta formale dell’atto.

Il documento di richiesta dell’atto contiene le stesse informazioni della richiesta dei costi, ma cambia l’intestazione. Invece di Richiesta costi per copia atto notarile, dovrai scrivere Richiesta atto notarile. In più, il documento di richiesta costi include l’indicazione delle spese nel caso il documento si trovi all’estero.

Una volta indicate, nella richiesta dell’atto notarile, tutti i dati, dati personali, numero di copie dell’atto, tipo di documento e modalità di invio, non ti resta che spedire tutto tramite raccomandata al notaio, o all’archivio distrettuale se non sai chi è il notaio, oppure questi ha concluso la sua attività. I documenti ti arriveranno in base alle modalità da te richieste nel documento.

Il consiglio è di ottenere l’atto che serve via e-mail o PEC, per richiedere una sola copia da stampare più volte quando serve.

Modello Richiesta Copia Atto Notarile

Disdetta Ultracomm

Ultracomm è una società che opera nell’ambito della telefonia fissa e per servizi di Internet da casa. I motivi per fare la disdetta dipendono caso per caso. C’è chi vuole disdire il contratto perché ritiene di non averlo mai sottoscritto e chi pensa di dovere disdire perché non ha ottenuto i servizi che aveva richiesto, oppure non è soddisfatto del servizio.

In ogni caso, ecco una guida pratica e veloce per scrivere la disdetta e inviarla a chi di dovere, con i relativi contatti dell’azienda in questione. La disdetta può essere fatta entro 14 giorni dalla firma del contratto senza alcun tipo di sanzione da parte dell’azienda. Successivamente, Ultracomm potrebbe comunque richiedere il pagamento di una somma di denaro per chiudere il contratto.

Vediamo cosa scrivere sulla disdetta e come inviarla. La prima cosa da fare è scrivere il proprio indirizzo completo e quello della sede di Ultracomm . Nell’oggetto dovrai scrivere Recesso dal contratto.

Inserisci tutti i tuoi dati personali, con la formula Io sottoscritto. A questa formula, devi fare seguire i seguenti dati

-Data di nascita.

-Indirizzo di residenza.

-Telefono, cellulare e mail.

-La normativa vigente. Dovrai scrivere In base all’art. 64 D.Lgs. 206/05, con modifica del D.Lgs. 21/2014, che recepisce la direttiva europea 2011/83/UE.

Infine, devi indicare cosa chiedi nella disdetta. Quindi, scrivi con La presente richiedo di recedere il contratto stipulato in data xx/xx/xxxx a casa/presso Vostro negozio in via XXXX/sul sito Internet.

Non ti resta che dichiararti favorevole a restituire eventuali prodotti in comodato d’uso e dichiarare che il rapporto tra le parti è sciolto e senza più vincoli da parte tua dal momento della ricezione del documento. Basta inserire luogo, data e firma prima di inviare tutto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Ricorda che l’indirizzo a cui inviare la disdetta a Ultracomm è Ultracomm Inc., a division of Prospective Management Services, 1179A King Street West Suite 315, M6K3C5 Toronto, ON Canada, purtroppo la sede centrale è in Canada, ma, per quanto costi, è bene assicurarsi la ricezione dei documenti tramite raccomandata.

In ogni caso, se non ottenessi risposta entro 30 giorni lavorativi dall’invio della raccomandata, ti consigliamo di rivolgerti a un legale, che sappia valutare la situazione e decidere cosa fare.

Disdetta Ultracomm

Modello Disdetta Optima Italia

Optima Italia è una società che garantisce la possibilità di pagare tutte le utenze in una sola bolletta sempre fissa per tutta la durata del contratto. Questo viene sottoscritto dal cliente e viene rinnovato automaticamente fino a quando il cliente non decide che Optima non è più la soluzione più adatta alle sue esigenze.

A questo punto, si deve inviare un modulo di disdetta come da indicazioni che riportiamo qui tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Optima Italia, Corso Umberto I, 174, 80138 Napoli.

Vediamo cosa devi scrivere sul modulo di disdetta per fare in modo che sia valido.

-I tuoi dati personali. Oltre a nome e cognome, servono indirizzo completo e codice fiscale dell’intestatario del contratto.

-Il numero del contratto. Servirà per capire il numero del contratto da disdire.

-I contatti utili. Per comunicazioni, dovrai inserire un tuo indirizzo e-mail valido e un altro numero di telefono non collegato a Optima Italia.

-L’indicazione del punto del contratto che si intende recedere. Ricorda di inserire la dicitura Presento la volontà di recedere dal contratto, così come previsto dall’articolo 21 al punto 1, delle Condizioni generali di contratto Optima Italia.

A questo punto, basterà inserire luogo, data e firma per inviare la tua disdetta a Optima Italia. Ricorda che la società ha tempo 30 giorni per ricevere la raccomandata e togliere la fornitura e che dovrai trovare altre società per le tue utenze per non restare senza luce e senza acqua all’improvviso.

Prima di inviare la disdetta, assicurati che la società abbia almeno tre mesi dalla scadenza del contratto per poterti rispondere, in modo da evitare ulteriori imprevisti e che tutte le bollette siano state pagate.

Ricorda di conservare sempre copia del contratto e di inserire la copia del documento di identità nella raccomandata, riportando l’allegato anche nel tuo documento per la disdetta. Ora, non ti resta che cercare gli altri fornitori per le tue utenze, ricordando che i servizi di Optima Italia possono essere disdetti in qualsiasi momento, a patto di rispettare le condizioni di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Fare disdetta è un diritto e Optima non può che prendere atto che il cliente non sia stato contento della fornitura e che si possa facilmente chiudere il contratto se tutte le pendenze sono state già pagate. Conserva la cartolina della raccomandata, per poter dimostrare anche in sede legale di avere informato Optima circa la tua volontà di recedere.

Modello Disdetta Optima Italia

Disdetta CoopVoce

Il sistema di telefonia di Coop può essere conveniente, perché il gestore telefonico è disponibile in tutta Italia grazie alla collaborazione con TIM e la scheda si può ricaricare mentre si fa la spesa. Se, però, non sei soddisfatto del servizio e vuoi scrivere una disdetta a Coop per il servizio CoopVoce, ecco cosa devi scrivere e cosa devi fare. Prima di tutto, sappi che la tua comunicazione non avrà esito prima di 30 giorni lavorativi, tempo utile per Coop per disattivare il servizio.

Per inviare la tua disdetta, puoi utilizzare.

-Una raccomandata. Potrai inviare la tua disdetta tramite raccomandata utilizzando come indirizzo la sede di Coop dove hai stipulato il contratto. L’indirizzo lo trovi riportato su questo documento.

-Tramite fax. Puoi assicurarti che la tua disdetta raggiunga il destinatario anche via fax al numero 800 510511.

-Tramite mail. Per qualsiasi informazione, puoi semplicemente inviare una mail all’indirizzo comunicazioni@coopvoce.it.

-Tramite telefono. Puoi contattare l’assistenza clienti CoopVoce direttamente dal tuo numero Coop, con il numero 188. L’attesa potrebbe essere un po’ lunga.

Ora che sai come inviare la tua disdetta, per scriverla hai un valido aiuto. Puoi utilizzare il modulo di cessazione del servizio che trovi sia agli sportelli della Coop, sia sul sito ufficiale del servizio CoopVoce.

Nel documento, sarà necessario riportare.

-Tutti i tuoi dati personali. Oltre a nome e cognome, dovrai riportare un numero di telefono e un documento di riconoscimento valido.

-I dati relativi al tuo numero di telefono Coop.

-In caso di bonus residui, le modalità per ottenere il rimborso. Puoi chiedere di ottenere un rimborso in denaro, oppure di ottenere un buono spesa Coop dello stesso valore, oppure ancora di trasferire quei bonus su un altro numero CoopVoce, anche non intestato a te.

– Dovrai allegare anche le fotocopie del tuo documento di riconoscimento e del documento di chi beneficia del bonus.

Naturalmente, ricorda di firmare e di inserire la data. Se vuoi risparmiare, puoi consegnare il modulo completamente compilato anche direttamente in sede, senza dover utilizzare i metodi elencati sopra. Ricorda che, se hai deciso di cambiare gestore mantenendo il numero, non dovrai fare alcuna disdetta, ma solo chiamare il nuovo gestore. Penseranno gli operatori del gestore appena contattato a risolvere la questione con CoopVoce, senza bonus aggiuntivi.

Disdetta CoopVoce

Fac Simile Nota Iscrizione Ipotecaria

La nota di iscrizione ipotecaria è un documento importante. Serve per registrare la casa al Catasto e dal notaio. Per questo è complicata da scrivere. Per fortuna, il modello è uguale per tutti.

Il documento si porta sempre a mano e sempre con tutti i documenti allegati che riguardano la casa. Il tutto va alla Conservatoria dei Registri Immobiliari di zona. Questo modulo non è uguale per tutti e dipende dalla situazione. L’ipoteca può avvenire a seguito di un mutuo stipulato in banca, per accordi legali oppure perché, per debiti, è un giudice a stabilire l’ipoteca. Insomma, le ipoteche sono tante e le note devono rispecchiare il tipo di ipoteca.

Per esempio, per lo stesso immobile ci può essere una prima ipoteca volontaria che, se non rispettata, fa scattare quella legale, costringendo a una seconda nota di iscrizione per aggiornamento.

Vediamo come si scrive la nota di iscrizione ipotecaria e quali documenti servono. Prima di tutto, c’è il logo dell’Agenzia delle Entrate, con la denominazione del Comune e del tipo di nota per ispezione. In seguito, devono esserci i dati di chi richiede l’ipoteca. In caso di ipoteca volontaria, ci sono i dati personali del nuovo proprietario. Poi ci sono le date relative alla durata dell’ipoteca.

Infine, c’è la trascrizione totale delle operazioni che si sono eseguite su quell’immobile. In caso di compravendita, andrà trascritto il numero del contratto, chi ha acquistato e chi ha venduto quell’immobile. Infine, vanno inseriti per iscritto tutti i documenti allegati che si inviano all’ente pubblico. Quindi, il contratto, la visura catastale, i documenti di riconoscimento di chi compra, l’atto notarile. Oggi, tutti questi documenti si trovano tranquillamente online e si può chiedere una mano agli esperti per redigerli e assicurarsi che tutto sia in ordine prima dell’invio.

La procedura si può fare anche online, se si è iscritti sul sito dell’Agenzia delle Entrate, che mostra anche tutte le procedure del caso. In questo modo, eviterai di sbagliare e potrai scrivere la tua nota senza problemi. Ricorda che le false dichiarazioni sono considerate reato, quindi fai molta attenzione a quello che viene redatto in questi documenti. Il documento sarà reso pubblico dopo la registrazione.

Fac Simile Nota Iscrizione Ipotecaria