Modello di Lettera Variazione Orario di Lavoro

Le modifiche all’orario di lavoro dipendono da diversi fattori. Anche se è il datore di lavoro a avere la necessità di ridurre o di aumentare l’orario di lavoro, queste scelte non possono essere fatte se non viene rispettato il contratto e se il lavoratore non concorda. In generale, il datore di lavoro è obbligato a scrivere una lettera formale al dipendente in anticipo, dove richiede la possibilità di aumentare o di ridurre l’orario di lavoro. Ci sono delle variazioni di orario, però, che sono tollerate dalla legge e sono a favore dei datori di lavoro. Ecco quali sono.

Se il contratto segue le normative del CCNL di riferimento, allora sono queste regole a stabilire le modalità per il cambiamento di orario. Per esempio, il datore di lavoro potrebbe richiedere un aumento di orario solo una volta al mese o due volte al mese, in base a quanto stabilisce il contratto nazionale.

Se il contratto non fa riferimento al CCNL, allora il datore di lavoro può chiedere al lavoratore, durante la settimana, di fare in via eccezionale fino al 25% di ore di straordinario, pagando regolarmente il dipendente. Questi può rifiutarsi solo se può dimostrare gravi impedimenti.

Infine, i contratti possono prevedere dei punti dove le parti si chiariscono in anticipo su quando può essere necessario il lavoro in più o in meno e come sarà retribuito. In questo caso, tutto dipende da contratto a contratto.

Se non ci si ritrova in questi casi, allora è necessario che il datore di lavoro scriva una lettera per richiedere la modifica del contratto di lavoro, riportando tutti i dati che servono per poter dimostrare la modifica in sede legale e soprattutto che entrambe le parti ne fossero a conoscenza. Prima di tutto, il datore di lavoro deve indicare i dati dell’azienda e del dipendente. In seguito, vanno specificate informazioni sul contratto, come la data, il tipo. Infine, vanno inseriti i dati che riguardano la modifica dell’orario di lavoro.

Risulta importante specificare che quando inizia la modifica e con quali modalità, se c’è una scadenza, se il contratto di lavoro si allunga o finisce prima, se ci sono delle clausole particolari, se ci sono esigenze specifiche da parte del datore di lavoro o del dipendente. Al termine, non resta che inserire data e firma di entrambe le parti. Per questa scrittura privata sulla modifica dell’orario di lavoro non serve andare dal notaio.

Modello di Lettera Variazione Orario di Lavoro

Modello Lettera di Richiesta Sponsorizzazione

Per organizzare un evento o per cercare degli sponsor per qualsiasi attività, è necessario convincere chi può investire sulla validità del progetto. Per questo, oggi forniamo una guida pratica su come scrivere una lettera per trovare sponsor.

Prima di tutto, lo sponsor può contribuire economicamente al progetto, ma anche in modo diverso. Per esempio, può fornire dei gadget che saranno regalati a chi parteciperà all’evento, oppure può fornire il materiale di cancelleria necessario durante l’evento. Prima di scegliere a chi inviare la lettera, è bene fissare dei paletti, che consentano di capire subito la bontà di un investitore.

In più, l’investitore deve anche capire quali vantaggi può avere nel promuovere il tuo evento. Per capire chi contattare, è importantissimo stabilire un argomento per il proprio evento e capire quale target si sta attirando. In questo modo, si potranno trovare potenziali clienti per gli sponsor, che saranno più favorevoli a fare parte del tuo progetto. Puoi cercare i tuoi sponsor in rete, per poi inviare una mail formale seguendo i consigli che trovi per scrivere la tua lettera.

In alternativa, puoi usare la raccomandata con ricevuta di ritorno, per assicurarti che lo sponsor abbia ricevuto la tua lettera. Cerca di scoprire chi è il titolare dell’attività, per potere fare riferimento direttamente a lui.

Spiega l’evento nei dettagli, date, altri sponsor dell’evento, finalità, serietà. La cosa importante è che ogni aspetto serva ad attirare l’attenzione dato che, se lo sponsor sarà interessato, ti renderai disponibile a fornire tutti i dettagli.

La tua lista di sponsor deve essere lunghissima, perché non tutti potrebbero essere interessati al tuo evento, quindi è necessario darsi più possibilità possibili. Completa la tua lettera informando che sei disponibile a un appuntamento e specificando che sei alla ricerca anche di altri sponsor, fissando un termine allo sponsor per dichiararsi potenzialmente interessato o meno.

Cerca di attirare persone della tua città, in questo modo, anche gli sponsor si sentiranno coinvolti e vorranno attirare nuovi utenti che vorranno partecipare al tuo evento. Completa la tua lettera salutando cordialmente e inserendo data e firma. Ricorda che per organizzare questo tipo di eventi e trovare gli sponsor ci vuole tantissimo tempo.

Organizzati per tempo, predisponendo già di una location e di tutto quello che serve per potere ottenere un evento di successo.

Modello Lettera Richiesta Sponsorizzazione

Modello Domanda di Assunzione

Per scrivere una domanda di assunzione, non serve un esperto, ma sicuramente dovrai dimostrare al tuo potenziale datore di lavoro di avere tutte le carte in regola ai fini di un eventuale colloquio.

Per scrivere la tua lettera, non dare nulla per scontato e cerca di evitare eventuali errori di grammatica, che potrebbero sempre capitare a una prima stesura.

Oggi solitamente la lettera si invia online. Inizia con un oggetto accattivante, che attiri subito l’attenzione del tuo potenziale datore di lavoro, dovrai scrivere qualcosa che sia a tema con quelle che possano essere le esigenze dell’azienda. Evita titoli come Sono la tua scelta vincente o Candidatura spontanea, perché la prima è troppo autoreferenziale e la seconda è troppo scontata. Scrivi, per esempio, Ingegnere informatico per collaborazione, così l’azienda avrà subito l’idea di cosa fai. Se non avrà bisogno di un ingegnere informatico cestinerà la domanda di lavoro, ma anche tu non perderai tempo.

La domanda di lavoro dovrebbe avere le seguenti caratteristiche.

Una frase iniziale di avvio. La formula Gentile Azienda è la più utilizzata, dato che non sai a chi ti rivolgi esattamente.

Un primo paragrafo, dove inserisci i tuoi dati personali e richiedi di essere assunto presso l’azienda.

Un secondo paragrafo, dove indichi perché l’azienda dovrebbe assumerti e come li hai conosciuti. Evidenzia che segui da molto tempo l’attività della della società e che vorresti inserirti perché sei in grado di dare un valore aggiunto, dovuto alle tue varie esperienze. Accanto alla domanda di assunzione, ci sarà il curriculum, da inviare in allegato sempre per e-mail.

Ricorda che, se sei partito con la formula Il sottoscritto e hai inserito subito i tuoi dati personali, tutta la lettera deve essere fatta in terza persona, mentre, se hai usato la prima persona, dovrai comunque rivolgerti all’azienda dando del Voi, perché ti rivolgi a più persone. Al termine, dichiarati disponibile a un colloquio e porgi i tuoi cordiali saluti, firmando ovviamente la tua domanda di assunzione con la data. Ringrazia sempre l’azienda per il tempo che ha dedicato nel leggere la tua lettera.

A questo punto, non ti resta che rivedere la tua lettera e inviarla all’indirizzo della società dove vuoi lavorare. Se non sai come contattare l’azienda, puoi usare il modulo di contatto sul sito ufficiale della società dove vuoi ottenere un lavoro.

Modello domanda di assunzione

Modello Lettera di Contestazione Lavori

Per contestare lavori edili non eseguiti come si deve, si può partire inviando un reclamo formale con raccomandata con ricevuta di ritorno alla società che ha eseguito i lavori o li sta ancora eseguendo.

A seconda di come si presenta la situazione si possono fare reclami diversi. Se ti accorgi di un difetto mentre si stanno eseguendo i lavori a casa tua, puoi fare reclamo subito. Basta indicare quale risulta essere il difetto, corredando il tutto da foto che dimostrano quello che si afferma e inserire la legge 2224 C.C., che consente di richiedere all’appaltatore di verificare il danno e di provvedere a proprie spese a risolvere il problema prima che diventi più grave.

Nel reclamo, indica chiaramente che c’è un difetto e che non si sta lavorando come quanto concordato. Ovviamente, usa un tono formale, ma educato, non vorrai passare alle vie legali.

Se, invece, il difetto si presenta dopo qualche tempo, devi fare reclamo entro 60 giorni da quando ti accorgi del problema, ma attenzione alla scadenza dei termini e all’entità del danno. Se si tratta di un problema strutturale per la tua abitazione, hai tempo fino a 10 anni da quando sono stati conclusi i lavori, altrimenti i termini si riducono a due anni.

Ricorda di fare eseguire una perizia da parte di un esperto, che attesti che il problema è dovuto alla ditta che non ha saputo fare il proprio dovere. In base al danno stimato, puoi chiedere che la ditta risolva la cosa a proprie spese per non incorrere in problemi legali, oppure puoi richiedere di pagare meno rispetto a quanto concordato, perché dovrai usare quel denaro per risolvere il difetto. In alternativa, puoi richiedere il rimborso totale di quanto hai speso, più eventuali danni che dovessero esserci.

Tutto dipende dal danno che c’è, un piccolo cedimento si può risolvere con lo sconto, se devi rifare la casa da zero è un’altra storia. Quando si tratta di rimborsi, è il tribunale che di solito stabilisce l’ammontare del danno e di chi sono le spese, ma nel frattempo ci saranno spese di avvocato per tutti i coinvolti.

Ricorda che il semplice reclamo per informare l’azienda potrebbe non bastare: prima di rivolgerti all’avvocato, provvedi a fare regolare denuncia a chi di competenza, in modo da velocizzare la procedura. Purtroppo, queste pratiche sono lunghe, ma potrai tutelarti usando la raccomandata per informare l’azienda sui danni.

Modello lettera contestazione lavori

Modello Reclamo Contratto non Richiesto

Se hai ricevuto un contratto per la fornitura di energia, oppure ti ritrovi con una linea telefonica che non hai scelto, puoi inviare un reclamo alla società indicata nel contratto.

Sappi che il tuo è un problema comune, perché molti operatori, se hanno il consenso verbale da parte dell’utente durante la telefonata, segnano il contratto firmato e ti ritrovi a pagare senza sapere di aver sottoscritto quel contratto, anche se la procedura è totalmente legale. Per disdire il contratto che non hai richiesto, ti consigliamo di inviare il tuo reclamo con raccomandata con ricevuta di ritorno, in modo tale da poter dimostrare di aver informato la società sul fatto che non vuoi il contratto che risulta firmato.

Ecco quali sono le informazioni che devi inserire per poter ritenere valido il documento

L’indirizzo completo della società che ti ha inviato il contratto.

I tuoi dati completi. Oltre a nome, cognome e indirizzo dovrai fornire anche il tuo numero di telefono, un indirizzo di posta elettronica e il tuo codice fiscale.

L’oggetto del reclamo. Dovrai indicare chiaramente che si tratta di un reclamo per un contratto non richiesto. A tua discrezione, puoi inserire qui il numero di contratto, che dovrai comunque ripetere nel corpo della lettera.

Il corpo della lettera. Questa è la parte più importante del reclamo, perché è quella che verrà valutata anche se la cosa andasse a finire in tribunale. Dovrai scrivere che ti risulta inviato un contratto non richiesto per la fornitura di energia o per linea telefonica. In più, dovrai informare la società se hai ricevuto una telefonata per attivare il servizio oppure se hai ricevuto una fattura o una bolletta da parte della società stessa. Infine, ricorda che per la delibera AEEG 153/2012/R/com richiedi l’annullamento del contratto. Concludi il corpo della lettera inserendo tutti i tuoi dati, il numero del contratto, il numero di eventuali fatture e il codice del tuo collegamento alla rete elettrica

Saluti, data e firma. Non ti resta che inviare i tuoi Cordiali saluti, inserire la data di invio del reclamo e firmare.

Invia poi il tuo reclamo e attendi i 30 giorni lavorativi, Se non ottieni risposte, oppure ricevi bollette, contatta un legale per risolvere il problema.

Modello Reclamo Contratto non Richiesto