Modello Atto di Precetto

L’atto di precetto è un documento importantissimo che notifica un mancato pagamento e le sue conseguenze. Nell’atto di precetto viene specificato cosa manca e a chi, il termine ultimo di pagamento e la data ultima entro il quale ottemperare. Di solito, l’atto non arriva inaspettato: si tratta dell’ultima via per recuperare del denaro, dopo varie richieste, prima di passare a uno sfratto o a un pignoramento. Come viene scritto, validità e condizioni dell’atto sono riportate nell’art.480 del Codice di Procedura Civile.

Nell’atto, deve essere indicato

Il titolo esecutivo. Quindi, il contratto del prestito, un bollettino/un assegno/un titolo non pagato e il suo importo, accanto a data di rilascio e data di prima scadenza.

Il giudice di competenza. Quindi quale risulta essere il Foro competente da dove parte l’atto di precetto.

La firma di chi pretende il pagamento o del proprio legale. Nel caso si dovesse pagare un’azienda o una banca, dovrebbe esserci la firma dell’avvocato o anche solo dell’amministratore delegato o del direttore di filiale.

Le ragioni per cui si intima il pagamento. Oltre al titolo esecutivo, deve essere chiaro che si sta cercando il pagamento di quel titolo e che l’inadempienza è il motivo.

Dopo che arriva la notifica, l’espropriazione deve avvenire entro 90 giorni successivi all’arrivo dell’atto di precetto. Se avviene dopo, l’atto viene considerato nullo. Attenzione, però: se la persona che deve pagare è recidiva, il giudice può stabilire che non sia necessario aspettare e che l’espropriazione arrivi anche prima dei 10 giorni lavorativi di solito concessi per provvedere al pagamento. Se trovi l’indicazione della legge art. 482 c.p.c., significa che l’espropriazione potrebbe arrivare molto prima rispetto al previsto.

Vediamo come si legge un atto di precetto. Basta scorrere dall’alto verso in basso. All’inizio, dovrebbero esserci i dati completi del creditore con i dati del proprio legale. Successivamente, si dovrebbe indicare il titolo esecutivo e tutte le spese che dovrebbero essere a carico del debitore.

Infine, devono esserci i dati del debitore e del foro competente che ha mandato l’atto. In calce, servono la data e la firma dell’avvocato o del creditore. Dalla data si potranno stabilire il termine di 10 giorni per il pagamento e quello di 90 giorni per l’espropriazione. Se la persona paga entro 10 giorni, l’atto si annulla e con esso l’espropriazione, ma il debitore dovrà dimostrare davanti al giudice, con ricevuta, di aver pagato tutto, anche gli interessi legali collegati.

Fac Simile Atto di Precetto